soldi

Decreto “Ristori”: codici Ateco delle attività che possono beneficiare degli aiuti

Pubblicato il Pubblicato in Crediti e Bandi Agevolati, Dalle Categorie, Fiscale, In Evidenza

DECRETO “RISTORI” PER LE IMPRESE: I CODICI ATECO DELLE ATTIVITA’ CHE POSSONO BENEFICIARE DEGLI AIUTI

Gentili associati,
a partire da metà novembre il Governo stanzierà 5,4 miliardi di euro a favore di ristoranti, partite Iva, gestori di palestre e piscine, discoteche, lavoratori stagionali e dello spettacolo, e tutti i settori più colpiti dal DPCM 24 ottobre.
La misura, che fa parte del cosiddetto “Decreto Ristori”, è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 269 del 28 ottobre 2020.  Scarica il testo del “Decreto Ristori”.

In sintesi, riportiamo di seguito alcuni punti importanti per le imprese ed i professionisti del terziario. 

Contributi a fondo perduto

I contributi a fondo perduto sono il “cuore” del decreto Ristori per il quale vengono stanziati le risorse maggiori: circa la metà dei 5,4 miliardi di euro totali. I soldi arriveranno “in tempi record entro il 15 novembre” .

Nel Decreto è prevista la suddivisione dei beneficiari per categorie. In base all’attività, il contributo varia dal 100% al 400%, fino ad un massimo di 150.000 euro.
Il contributo a fondo perduto sarà accreditato direttamente sul conto corrente sul quale è stato erogato il contributo ex art. 25 del D.L. “Rilancio”.
Possono fare domanda anche le imprese che non ne hanno usufruito nei mesi precedenti, per la quale ci sarà un’apposita procedura da seguire.

Tra i beneficiari ci sono anche le imprese che fatturano oltre 5 milioni di euro all’anno, con un ristoro pari al 10% da calcolare sulla perdita di fatturato.

I contributi a fondo perduto sono previsti per:

  • 493210 Trasporto con taxi 100%
  • 493220 Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimesse con conducente 100%
  • 561011 Ristorazione con somministrazione 200%
  • 561012 Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole 200%
  • 561030 Gelaterie e pasticcerie 150%
  • 561041 Gelaterie e pasticcerie ambulanti 150%
  • 561042 Ristorazione ambulante 200%
  • 562100 Catering per eventi, banqueting 200%
  • 563000 Bar e altri esercizi simili senza cucina 150%
  • 591400 Attività di proiezione cinematografica 200%
  • 823000 Organizzazione di convegni e fiere 200%
  • 900400 Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche 200%
  • 931110 Gestione di stadi 200%
  • 931120 Gestione di piscine 200%
  • 931130 Gestione di impianti sportivi polivalenti 200%
  • 931190 Gestione di altri impianti sportivi nca 200%
  • 931200 Attività di club sportivi 200%
  • 931300 Gestione di palestre 200%
  • 931910 Enti e organizzazioni sportive, promozione di eventi sportivi 200%
  • 931999 Altre attività sportive nca 200%
  • 932100 Parchi di divertimento e parchi tematici 200%
  • 932910 Discoteche, sale da ballo night-club e simili 400%
  • 932930 Sale giochi e biliardi 200%
  • 932990 Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca 200%
  • 960410 Servizi di centri per il benessere fisico (esclusi gli stabilimenti termali) 200%
  • 960420 Stabilimenti termali 200%
  • 960905 Organizzazione di feste e cerimonie 200%
  • 551000 Alberghi 150%
  • 552010 Villaggi turistici 150%
  • 552020 Ostelli della gioventù 150%
  • 552030 Rifugi di montagna 150%
  • 552040 Colonie marine e montane 150%
  • 552051 Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence 150%
  • 552052 Attività di alloggio connesse alle aziende agricole 150%
  • 553000 Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte 150%
  • 559020 Alloggi per studenti e lavoratori con servizi accessori di tipo alberghiero 150%
  • 493901 Gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o sub-urbano 200%
  • 773994 Noleggio di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli: impianti luce ed audio senza operatore, palchi, stand ed addobbi luminosi 200%
  • 799011 Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi ricreativi e d’intrattenimento 200%
  • 799019 Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio nca 200%
  • 900101 Attività nel campo della recitazione 200%
  • 900109 Altre rappresentazioni artistiche 200%
  • 900201 Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli 200%
  • 900209 Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche 200%
  • 920009 Altre attività connesse con le lotterie e le scommesse (comprende le sale bingo) 200%
  • 949920 Attività di organizzazioni che perseguono fini culturali, ricreativi e la coltivazione di hobby 200%
  • 949990 Attività di altre organizzazioni associative nca 200%
  • 960410 Servizi di centri per il benessere fisico (esclusi gli stabilimenti termali) 200,00%
  • 960420 Stabilimenti termali 200,00%
  • 960905  Organizzazione di feste e cerimonie 200,00%

Proroga cassa integrazione

Tra le novità principali del nuovo decreto c’è la proroga della Cig per altre 6 settimane. La proroga riguarda il periodo compreso tra il 16 novembre 2019 e il 31 gennaio 2021 e possono beneficiarne le imprese che hanno esaurito le settimane precedenti.

Sospensione dei versamenti dei contributi previdenziali

Per le imprese che non utilizzano gli strumenti di sostegno al reddito è previsto l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a loro carico, per quattro settimane, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL.
Per le aziende interessate dal DPCM del 24 ottobre, è prevista inoltre la sospensione dei versamenti contributivi relativi ai lavoratori per il mese di novembre.

Bonus lavoratori spettacolo e turismo

Confermata l’indennità di 1.000 euro per i lavoratori dello spettacolo, stagionali e del turismo.

Credito d’imposta per affitti commerciali
Nel testo definitivo del decreto troviamo il credito d’imposta sugli affitti commerciali al 60%. Il beneficio interessa i mesi di ottobre, novembre e dicembre. Possono beneficiarne le attività danneggiate indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d’imposta precedente.

Il credito sarà cedibile al proprietario dell’immobile locato.

Rata IMU cancellata

La norma stabilisce l’esenzione dal pagamento della seconda rata dell’IMU, da pagare entro il 16 dicembre 2020.

I nostri uffici rimangono a disposizione per chiarimenti, scrivendo ad assistenza@confcommerciogrosseto.it

Facebook