attenzione1

Negozi chiusi a Pasqua e Pasquetta: l’ordinanza regionale con tutti i dettagli

Pubblicato il Pubblicato in Dalle Categorie, In Evidenza, Normative sul Lavoro

Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani ha firmato l’ordinanza con la quale viene disposta la chiusura di tutti gli esercizi commerciali (art 13, comma 1, lett. d), e), f) e g) della legge regionale Toscana 23 novembre 2018, n. 62), compresi supermercati e i tabaccai, per domenica 4 aprile (Pasqua) e lunedì 5 (Pasquetta).

Potranno restare aperti solo le rivendite di giornali, farmacie e parafarmacie su tutto il territorio regionale.
Rimane consentita, nel rispetto della vigente legislazione emergenziale, la facoltà della SOLA CONSEGNA a domicilio, esclusivamente mediante la prenotazione on-line o telefonica e non presso l’esercizio commerciale, dei generi alimentari e di beni di prima necessità.
Si specifica che NON CAMBIA NULLA per i PUBBLICI ESERCIZI, PANIFICI, GELATERIE, NEGOZI DI PASTA FRESCA ECC. che, chiusi al pubblico, possono comunque vendere per asporto e fare consegne a domicilio. Anche i mercati non sono ricompresi nell’ordinanza.

Come specificato dalla Regione, infatti:

secondo l’ordinanza n. 42 /2021 che riguarda il commercio in sede fissa, nei giorni di Pasqua e Pasquetta i negozi di vicinato, le medie e le grandi strutture di vendita nonché i centri commerciali possono fare solo la consegna a domicilio dei generi alimentari e dei beni di prima necessità esclusivamente mediante la prenotazione on-line o telefonica e non presso l’esercizio commerciale.

Invece i ristoranti, le pizzerie, i panifici, i bar, i pub, le rosticcerie, le pasticcerie, i negozi di pasta fresca, le gelaterie ecc; in quanto attività artigianali, non sono ricomprese nell’ordinanza; continuano ad esercitare la loro attività con le regole della zona rossa nazionale e quindi possono fare sia l’asporto che la consegna a domicilio negli orari consentiti.

Si precisa inoltre che anche i mercati di generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici proseguono la loro attività con le regole della zona rossa nazionale.

FAQ

Una rosticceria può fare l’asporto nei giorni di Pasqua e Pasquetta?

Si. I ristoranti, i bar, i pub, le rosticcerie, le pasticcerie, i negozi di pasta fresca, le gelaterie, le pizzerie, i panifici, ecc. continuano ad esercitare la loro attività con le regole della zona rossa e quindi possono fare sia l’asporto che la consegna a domicilio negli orari consentiti.

Una macelleria può fare l’asporto nei giorni di Pasqua e Pasquetta?

No. I negozi di vicinato, le medie e le grandi strutture di vendita nonché i centri commerciali nei giorni di Pasqua e Pasquetta possono fare solo la consegna a domicilio dei generi alimentari e dei beni di prima necessità.

Nei giorni di Pasqua e Pasquetta posso andare a fare la spesa al supermercato?

No. Le medie e le grandi strutture di vendita nonché i centri commerciali possono fare solo la consegna a domicilio dei generi alimentari e dei beni di prima necessità.

Nei giorni di Pasqua e Pasquetta i mercati di generi alimentari, piante e fiori si possono svolgere?

Si. l’ordinanza riguarda solo il commercio in sede fissa e non il commercio ambulante.

LEGGI QUI L’ORDINANZA

Facebook