saldi1

Saldi invernali: in Toscana posticipati al 30 gennaio

Pubblicato il Pubblicato in Dalle Categorie, In Evidenza

I saldi avranno una durata di 30 giorni. Maggiore flessibilità sulle promozioni, che potranno iniziare a partire dal 1 gennaio.

 

 

Si segnala che, in Toscana, i saldi invernali di fine stagione sono posticipati a sabato 30 gennaio 2021.

I saldi avranno una durata di 30 giorni, fino dunque a tutto febbraio.

Lo ha deciso la Giunta regionale che ha approvato la nuova delibera, considerando lo stato di emergenza legato alla pandemia da Coronavirus valido, al momento, fino alla fine di gennaio.

Da segnalare inoltre che, prima dei saldi, ci sarà quest’anno maggiore flessibilità sulle promozioni. Viene consentita la possibilità di proseguire con vendite promozionali anche dopo il 1° gennaio, ovvvero, decade, in via straordinaria, il divieto indicato dal Codice del commercio di effettuare le vendite promozionali nei 30 giorni che precedono i saldi.

“Finora – spiegano dalla Regione – c’era sempre stato un divieto sui ribassi nei trenta giorni precedenti le liquidazioni e si trattava di un modo per evitare situazioni di concorrenza tra imprese all’avvio di stagione Ma con i saldi posticipati a fine gennaio l’esigenza risultava a questo punto meno stringente”.

SCARICA QUI LA DELIBERA REGIONALE SUI SALDI

Si ricordano le regole per effettuare le VENDITE PROMOZIONALI (Rif. Nuovo Codice del Commercio LR 62 del 2018)

– Per vendite promozionali si intendono le vendite con le quali vengono offerti tutti o solo alcuni prodotti a condizioni favorevoli di acquisto.

Le merci oggetto di vendita promozionale devono essere distinguibili da quelle vendute a condizioni ordinarie.

– Sulla pubblicità dei prezzi.

Per le merci oggetto di vendite straordinarie devono essere indicati:

a) il prezzo normale di vendita;

b) lo sconto o il ribasso espresso in percentuale;

c) il prezzo effettivamente praticato a seguito dello sconto o del ribasso.

– Si specifica inoltre che per le vendite promozionali NON è necessaria la previa comunicazione al Comune.

Facebook