grosseto - cattedrale

San Lorenzo 2015: Il programma delle iniziative

Pubblicato il Pubblicato in Eventi

La città e la diocesi di Grosseto si preparano a celebrare il patrono San Lorenzo martire, la festa grande e bella che caratterizza l’estate del capoluogo e del territorio tutto. La festa di San Lorenzo è l’occasione per ritrovarsi come comunità attorno ad una figura di uomo e di santo straordinaria, un testimone credibile del Vangelo.

Il vescovo Rodolfo ha desiderato rivolgersi a tutti i grossetani con una lettera (reperibile anche sul sito www.diocesidigrosseto.it) con la quale invita tutti ed ognuno “a coinvolgersi nella festa: umanamente e spiritualmente”. Nella lettera mons. Cetoloni sottolinea altresì come “il Vangelo  fu di aiuto e di esempio a Lorenzo per dedicarsi agli altri e per la fede in Colui nel quale credeva”. La fede rese “più chiara, splendente la sua umanità”.

Programma:

 Venerdì 7 agosto, ore 21.15 in Cattedrale (ingresso libero) l’Officina del Falso Movimento presenta:

“Secondo Orfea, quando l’amore fa miracoli”, di Margherita Antonelli e Marco Amato

Margherita Antonelli, nota al grande pubblico per il suo ruolo di inarrestabile donna delle pulizie in Zelig, attrice di cinema, teatro e tv con esperienze importanti anche alla radio, porta a Grosseto “Secondo Orfea, quando l’amore fa miracoli”, spettacolo che è stato tra i vincitori della rassegna “I Teatri del Sacro” a Lucca, edizione 2013.

Orfea è una donna che vive a Gerusalemme nell’anno 1, un tempo difficile per una donna sola, vedova di un centurione romano al seguito di Ponzio Pilato. Le sue giornate si dividono fra il tempio, la fontana, lenzuola da stendere, chiacchiere con le altre donne. Una vita consumata nella tranquillità, all’ombra della sua casa, ma un giorno vengono ad abitare vicino a lei due giovani sposi. Si chiamano Maria e Giuseppe: lei è incinta. Da quel momento la vita di Orfea non sarà più la stessa. I giovani sposi la coinvolgono nella lorov ita e in quella di questo bimbo, del quale Orfea si prende cura quando la madre è affannata nel quotidiano.

Tra i due si instaura un rapporto di profondo affetto, con la vita di Gesù guardata con amorevolezza e buon senso da una donna semplice e forte come Orfea, che assiste alla crescita di questo Dio-Bambino con la curiosità, la dolcezza, la fermezza di molte madri che vorrebbero il meglio per il loro figlio.

Una visione dei fatti del Vangelo rivisitati e teneramente  riletti da una donna semplice, concreta, come dovrebbe essere la fede, quella fede in un Dio fattosi bambino, ragazzo, adolescente e infine adulto..

 

Domenica 9 agosto, ore 21 dalla Cattedrale

processione di San Lorenzo

con la statua del santo sul tradizionale carroccio trainato da due bellissimi esemplari di buoi maremmani, i butteri a cavallo, la Fiarlmonica Città di Grosseto, i Tamburini di Civitella Paganico

 Alla processione presenzierà il cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei Vescovi

 Itinerario: piazza Duomo, piazza Dante, strada Ricasoli, Porta Vecchia, piazza De Maria, via Battisti, via Bengasi, via Tripoli, via Oberdan, piazza Rosselli, via IV Novembre, corso Carducci, piazza Duomo.

Al termine della processione, sul sagrato della Cattedrale il cardinal Baldisseri impartirà la benedizione solenne

Il vescovo chiede ai residenti e agli esercizi commerciali le cui vie o strade saranno attraversate dalla processione di esporre segni di festa, semplici, ma che trasmettano questo clima di festa (dalle bandiere di San Lorenzo distribuite lo scorso anno a lenzuola, luci accese delle vetrine e magari un segno riferito ai colori della città)

 

Lunedì 10 agosto Solennità di San Lorenzo

ore 10.45 sul sagrato della Cattedrale: saluto istituzionale al cardinal Lorenzo Baldisseri

ore 11 in Cattedrale solenne Pontificale presieduto da S.Em. il Cardinal Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi e offerta del cero votivo al patrono San Lorenzo da parte del sindaco di Grosseto a nome di tutta la città

ore 21.15 piazza Dante: concerto di San Lorenzo dell’Orchestra sinfonica città di Grosseto, diretta dal maestro Giuseppe Garbarino.

Il programma della serata

P. I. Ciaikovsky Suite Schiaccianoci; J. Brahms Danza Ungherese n.5; A. Borodin Danze Polovesiane; E. Elgar Pomps and circumstance n.1; C. Gounod Marcia funebre per una marionetta; G. BizetSuite n.1 e 2

Ore 22.15 consegna del Grifone d’Oro 2014 da parte della Pro Loco e città di Grosseto

 

LA “RACCOLTA DI SAN LORENZO” E “UNA LUCE PER ALEPPO”

Come già lo scorso anno, la festa di San Lorenzo vuole assumere anche un significato ulteriore. Attingendo all’esperienza umana e di fede del diacono martire, che donò la sua vita per i poveri “gli unici tesori della Chiesa”, vengono proposti due gesti di attenzione e di prossimità.

Sarà, pertanto, ripetuta la “Raccolta di San Lorenzo” in generi alimentari non deperibili, che attraverso la Caritas saranno distribuiti a chi ha più bisogno sul nostro territorio, e sarà proposto un gesto di rinnovata attenzione verso i cristiani perseguitati in Siria, con l’iniziativa “Una luce per Aleppo”, la città-martire, simbolo del dramma che si sta consumando in quelle terre.

  • Raccolta di San Lorenzo: dove, come e quando

Sabato 8 agosto nei supermercati Conad (Aurelia Antica, via Clodia e via Senegal) e Simply (via Scansanese e via Einaudi) di Grosseto. Qui volontari della Diocesi riceveranno ciò che i clienti vorranno donare in generi alimentari a lunga conservazione (preferibilmente pasta, riso, legumi, pelati, latte, zucchero, farina, tonno, biscotti e olio)

La Raccolta si terrà, sempre per l’intera giornata dell’8 agosto e poi il 9 (fino a mezzanotte) e il 10 (solo al mattino) anche nell’atrio del palazzo vescovile (corso Carducci) dove, come già lo scorso anno, sarà possibile consegnare alimenti a lunga conservazione.

  • Una luce per Aleppo: come

La raccolta in denaro per i cristiani di Aleppo potrà avvenire in due modi:

-versando offerte sul conto intestato a Diocesi di Grosseto, Iban IT 67B 05034 14300 000000000 145; causale “offerta pro Aleppo”

-consegnando l’offerta presso la parrocchia della Cattedrale (parroco mons. Piero Caretti) o nell’apposito contenitore che nei giorni dell’8-10 agosto sarà posizionato nell’atrio del palazzo vescovile

Facebookgoogle_plus