federmoto

Lettera del presidente di Federmotorizzazione

Pubblicato il Pubblicato in Dalle Categorie, In Evidenza

DA FEDERMOTORIZZAZIONE: IL COVID 19 NON VIAGGIA IN AUTO

Lettera firmata da Simonpaolo Buongiardino, presidente di Federmotorizzazione

“Il comparto automotive sta vivendo una crisi profonda: alcune case automobilistiche hanno sospeso la produzione per scelta o per mancanza di componentistica ed altre le seguiranno.

Il settore distribuzione ed assistenza che Federmotorizzazione, aderente a Confcommercio Mobilità, rappresenta oggi è completamente bloccato ed in alcune zone da quasi un mese.

Stiamo parlando di 125.000 aziende a livello nazionale che occupano 430.000 addetti diretti ( il doppio considerando i collaboratori esterni ); producono un fatturato di 93 Mld, un PIL del 5,6% e garantiscono un gettito fiscale lordo di 76 Mld (compreso carburanti).
Oggi questa grande macchina si è fermata. Non si vendono auto e moto, non si riparano, non si noleggiano e non si consuma carburante.

Quanto durerà tutto ciò? Arriveremo certamente ad oltre due mesi di fermo totale; ma quanto tempo servirà per tornare alla normalità ed a che prezzo?
Oggi il settore può in parte attivare la Cassa integrazione per mitigare il costo del personale, ma molti provvedimenti di sostegno sono stati pensati per attività di piccole dimensioni che non si adattano al nostro comparto.

Nessun concessionario auto per esempio rientra nei due milioni di fatturato ed utilizza locali di grandi dimensioni che vanno oltre la categoria catastale C/1, quindi non possono utilizzare il credito di imposta sugli affitti: questa limitazione deve essere al più presto rivista.

Il settore uscirà dall’emergenza indebolito e farà fatica a riprendere la marcia; occorre quindi non lesinare i provvedimenti e le risorse da stanziare nonché predisporre subito un piano di rilancio del settore dopo il rientro alla normalità, coinvolgendo anche l’Europa che negli ultimi anni ha penalizzato l’auto.
Ricordo che nelle difficoltà economiche  che seguiranno la fine dell’emergenza, l’acquisto di un’auto potrebbe non essere una priorità.

Il Covid 19 ci ha colto di sorpresa, non commetta il nostro Governo l’errore di non approntare fin d’ora le misure di rilancio del settore: otterrà anche l’effetto di difendere il gettito tributario che il settore ha sempre garantito”.
Simonpaolo Buongiardino

Pres. Federmotorizzazione

Facebook